Vietnam Express: L’itinerario- The itinerary

Dai palazzi all’avanguardia di Ho Chi Minh City, ai villaggi galleggianti del Delta del Mekong, dalle spiagge di Mũi Né alle verdi risaie dell’entroterra. Il nostro itinerario desidera scoprire alcuni dei mille volti di questo Paese.

Vietnam Express L'Itinerario
Vietnam Express L’Itinerario

Vorremmo infatti conoscere l’antica Saigon, la città nata da un piccolo villaggio di pescatori ed oggi diventata una delle avanguardie del Sud Est asiatico. Vorremmo assaporare il suo passato coloniale che tanto ha influenzato anche la cucina locale con una fusione di pietanze note alla tradizione gastronomica sia francese che cinese, conoscerne le religioni che la popolano: buddista, cattolica, taoista e confuciana e fare un vero percorso fra sacro e profano perché assai praticato è il culto degli antenati. Vorremmo scoprire le vie della seta dopo aver conosciuto i rimedi su cui si basa la medicina tradizionale. Vorremmo lasciarci condurre dal brulicare di motorini che quotidianamente invade le strade della città in un variopinto ed ininterrotto serpentone umano. Vorremmo rendere omaggio a tutte le vittime del sanguinoso conflitto che dilaniò il paese dal 1960 al 1975 visitando i luoghi dove venne combattuto. Vorremmo vedere il contrasto fra antico e moderno. Vorremmo vivere Ho Chi Minh City.

Inoltre ci piacerebbe visitare il Delta del Mekong, la regione più popolare dell’Asia sud orientale al confine con la Cambogia. Ci piacerebbe osservare il grande fiume, la vita che scorre in esso, vedere i nove dragoni ovvero le diramazioni con cui sfocia nel mare cinese. Ci piacerebbe conoscere anche una sola delle oltre 20 milioni di persone che ci vivono, occupando un’area di 40.000 chilometri quadrati, distribuiti in un totale di 13 province: An Giang, Bac Lieu, Ben Tre, Ca Mau, Can Tho, Dong Thap, Hau Giang, Lungo Un, Kien Giang, Soc Trang, Tien Giang,Tra Vinh e Vinh Long. Ci piacerebbe vedere i suoi mercati galleggianti e i venditori di riso. Infine ci piacerebbe scorgere all’orizzonte il profilo della vicina Cambogia.

Vorremmo poi passeggiare lungo i 10 km di spiaggia di Mũi Né baciati dal sole mentre le brezze marine spingono i windsurfisti fra le onde. Sarebbe bello rotolare lungo le dune di sabbia rossa e percorrere il “Flusso delle fate”, Suoi Tien in vietnamita, un piccolo torrente che scorre attraverso una foresta di bambù e dune di color rossastro che rendono il paesaggio un piccolo Grand Canyon. Sarebbe bello vedere fra la sabbia dei deserti bianchi e rossi il Lago dei fiori di loto e le vestigia della civiltà Mui Ne Champa con la famosa torre Poshanu, detta anche Torre Po Sah Inu o Torre Cham. Sarebbe bello osservare i vecchi pescatori salpare la sera sulle tipiche imbarcazioni di legno. Infine sarebbe bello pedalare fra le verdi campagne sorridendo ai raccoglitori di riso vestiti con il “nón lá” il tipico cappello a forma di cono fabbricato con foglie. Sarebbe bello sentirsi liberi di poter esplorare tutto ciò ed immergersi pienamente in questa splendida cultura.
Nel prossimo articolo vi parlerò dei mezzi di trasporto con cui ci muoveremo.

Strip Of Trek L'itinerario
Strip Of Trek L’itinerario

Our itinerary want to discover some of the many faces of this country. From the modern palaces of Ho Chi Minh City,to the floating villages of the Mekong Delta, from the beaches of Mui Ne to the green rice fields.
We would like to know the old Saigon, at first the city was a small fishing village and now become one of the vanguards of South East Asia.
We would like to savor its colonial past that has influenced the local cuisine with a fusion of dishes known to the gastronomic tradition both French and Chinese. Know the religions that populate: Buddhist, Catholic, Taoist and Confucian and make a path between sacred and profane because it is very practiced ancestor worship.
We would like to discover the silk roads after knowing the remedies of traditional medicine. We would like to be led by the swarm of scooters that daily invade the streets of the city in a colorful, uninterrupted human snake.
We would like to pay homage to all the victims of the bloody conflict that destroyed the country from 1960 to 1975 by visiting the places where it was fought. We would like to see the contrast between ancient and modern. We would like to live Ho Chi Minh City.
We would visit the Mekong Delta, the most popular region at south eastern border with Cambodia.
We would love to watch the great river, the life that flows into it, see the nine dragons namely the branches with whom flows into the sea of China. We’d like to know even a single of the more than 20 million people who live there occupying an area of 40,000 square kilometers, distributed in a total of 13 provinces: An Giang, Bac Lieu, Ben Tre, Ca Mau, Can Tho, Dong Thap , Hau Giang, Long An, Kien Giang, Soc Trang, Tien Giang, Tra Vinh and Vinh Long. We would love to to see its floating markets. Finally we would like to see on the horizon the profile of neighboring Cambodia.
It would be nice to walk along the 10 km beach of Mui Ne kissed by the sun and see the sea breezes pushing windsurfers in the waves.
It would be nice to roll along the red sand dunes and along the “flow of the fairies”, Suoi Tien in Vietnam, a small stream that flows through a bamboo forest and dunes of reddish color that make the landscape a little Grand Canyon.
It would be nice to see in the sand deserts “The lotus flowers lake” and the vestiges of civilization Mui Ne Champa with the famous tower Poshanu, also called Torre Po Sah Inu or Cham Tower. It would be nice to see fishermen sail in the evening on the typical wooden boats. Finally it would be nice biking through the green countryside, smiling at gatherers rice with “Nón Lá” the typical cone-shaped hat made from leaves. It would be nice to feel free to explore everything and fully immerse yourself in this beautiful culture.
In the next article I will talk about of the means of transport by which we will move.
Sara

Copyright ©2012 – 2017 TripOrTrek.blog by Sara Panizzon. All rights reserved

Se vi piace il nostro lavoro e volete aiutarci a migliorare il blog, supportateci con una donazione:

If you like our work and want to help us to improve the blog support us with a donation:

https://www.paypal.me/SaraPanizzon

Annunci

One thought on “Vietnam Express: L’itinerario- The itinerary

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.