Chiang Mai: la rosa del Nord

Chiang Mai, la rosa del Nord. Sono arrivata in questa città dopo un’ora di volo da Bangkok e il mio primo pensiero è stato “oddio sono tornata a casa”.
Il cielo grigio, una leggera pioggerellina, e la città circondata da verdi montagne mi hanno subito ricordato Schio. Il dejavu, però, è passato presto perché Chiang Mai, la rosa del Nord sorta sulle rive del fiume Ping, conserva una forte identità culturale: in passato, infatti, era la capitale del Regno di Lanna.

Chiang Mai, the rose of the North.
I arrived in this city after an hour’s flight from Bangkok and my first thought was “oh my God I came home”. The gray sky, a light drizzle, and the town surrounded by green mountains have instantly reminded me of Schio.
The dejavu, however, is soon past because Chiang Mai, the rose of the North built on the banks of the Ping River, maintains a strong cultural identity: in the past, in fact, was the capital of the Kingdom of Lanna.

chiangmai

Fondata nel 1296 dal Re Mengrai, la città è stata indipendente per molto tempo e proprio questo fattore le ha permesso di conservare non solo antiche tradizioni come l’uso del dialetto, parlato tutt’oggi dai suoi residenti, ma anche uno stile architettonico ricco di particolari decorativi ben visibile in templi e palazzi.

Founded in 1296 by King Mengrai, the city has been independent for a long time, and this factor has allowed it not only to preserve ancient traditions such as the use of dialect, still spoken by its residents, but also a architectural style, clearly visible today in temples and palaces, rich of decorative details.

chiangmai2
Prima di parlarvi della meravigliosa Rosa del Nord e della fertile valle del fiume Ping dove foreste incontaminate sono affiancate da dolci colline coltivate a risaie, desidero raccontarvi la storia della Principessa Dara Rasmi che ben incarna lo spirito delle tribù che tutt’oggi vivono in piccoli villaggi sperduti fra le montagne di Chiang Mai.

Before talking about the wonderful Rose of the North and the fertile valley of the Ping River where pristine forests are flanked by rice fields, I want to tell you the story of  the Princess Dara Rasmi of Chiang Mai who perfectly represents the spirit of the tribes that, with pride, still live in small villages lost in the mountains.

dararasmi2
foto from Wikipedia

La Principessa Dara Rasmi nacque il 26 agosto 1873 a Khum Luang in Chiang Mai. Figlia del re Inthawichayanon e della regina Thipkraisorn Rajadevi crebbe imparando le lingue, thai, lanna e inglese, insieme ai costumi e alle tradizioni reali sia del Lanna che del Siam.

Quando gli inglesi invasero la Birmania fra il 1860 e il 1870, il Re del Siam Chulalongkorn cominciò a preoccuparsi che l’Inghilterra potesse annettersi al Regno di Chiang Mai, così, nel 1883, mandò suo fratello, il principe Phicit Prichakorn nel Nord della Thailandia per proporre accordo: Dara Rasmi doveva diventare la concubina del Re. Ciò avvenne nel 1886 quando la principessa lasciò Chiang Mai per entrare nel Grand Palace di Bangkok.

Princess Dara Rasmi was born August 26, 1873, in Khum Luang, Chiang Mai, in the north of Siam. Daughter of the king Inthawichayanon and the queenThipkraisorn Rajadevi of Chiang Mai grew up learning the languages, Thai, Lanna and English, along with the customs and the traditions of Lanna and of Siam. When the British invaded Burma between 1860 and 1870, the King of Siam Chulalongkorn became concerned that England could annex the Kingdom of Chiang Mai, so, in 1883, sent his brother Prince Phicit Prichakorn in Chiang Mai to propose an agreement: Dara Rasmi was to become the concubine of the King. This happened in 1886 when the princess left Chiang Mai to get into Grand Palace in Bangkok.

20160802_103310_HDR~2

La vita di corte però non fu facile per Dara Rasmi: le donne del suo entourage erano schernite e chiamate “signore del Laos”, e, parlando della principessa, le malelingue dicevano che puzzava di pesce fermentato. Queste calunnie probabilmente derivavano dal fatto che Dara Rasmi e le sue dame indossavano sempre abiti fatti con tessuti di Chiang Mai, portando le famose gonne chiamate pha sin, e i capelli lunghi tirati su a crocchia sulla nuca, in contrasto con l’abbigliamento e le acconciature delle donne siamesi.
Nonostante le angherie di corte, la Principessa diede alla luce una bambina Vimolnaka Nabisi, ma la piccola, all’età di due anni e otto mesi si ammalò e morì. Dara Rasmi fu così sconvolta dalla morte della sua unica figlia, che distrusse tutte le foto e i ritratti della bimba, e chiese al Re di fare ritorno a Chiang Mai.
Il suo viaggio durò sei mesi e una volta rientrata a Bangkok, la Principessa si trasferì nella nuova casa che il Re le aveva costruito accanto al Palazzo Vimanmek. Solo un anno dopo, però, suo marito morì il 23 ottobre 1910. Nel 1914 Dara Rasmi chiese di ritornare per sempre a Chiang Mai e lì continuò a compiere i suoi doveri reali fra la gente di Lanna, il suo popolo, sino al 9 dicembre 1933, giorno in cui morì all’età di 60 anni.

Court life, however, wasn’t easy for Dara Rasmi: the same women of her entourage were ridiculed and called “ladies of Laos”, and, speaking of the princess, the gossips said that smelled of rotting fish. These calumnies probably were derived from the fact that Dara Rasmi and her ladies always wore clothes made of Chiang Mai‘s fabrics, bringing the famous skirts call “pha sin”, and long hair pulled up into a bun at the nape, in contrast to the clothing and the hairstyles of Siamese women.
Despite the impositions of the court, the princess gave birth to a girl: Vimolnaka Nabisi, but the baby, at the age of two years and eight months, fell ill and died. Dara Rasmi was so upset by the death of her only daughter, who destroyed all pictures and portraits of her, and asked the King to return to Chiang Mai.
Her journey lasted six months and, once returned to Bangkok, Dara Rasmi moved into a new house that the king had built for her next to Vimanmek Palace.
Only a year later, however, her husband died October 23, 1910. The Princess then asked to return forever in Chiang Mai in 1914 and there she continued to perform her royal duties between the Lanna people until the day of his death on December 9, 1933 at the age of 60 years. 

dararasmi

Prima di portarvi alla scoperta delle meraviglie di Chiang Mai, volevo rendere omaggio alla storia di questa piccola grande donna che ha unito il Regno di Lanna con il Siam. 
Nei prossimi articoli, andremo alla scoperta della Rosa del Nord. 

Before taking you to discover the wonders of Chiang Mai, it seemed right tell the story of this great woman who united the Kingdom of Lanna with Siam.
In the next articles, we will discover the Rose of the North. 

Sara
Mail: triportrek@gmail.com
Copyright © TripOrTrek. All rights reserved

Annunci

7 thoughts on “Chiang Mai: la rosa del Nord

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.