La bellezza ferita. Norcia, Earth, Heart Art, Quake

A Siena una mostra d’arte per far conoscere la bellezza ferita di Norcia e aiutare le popolazioni terremotate. 

Norcia e Siena sono due città meravigliose unite da forti motivazioni spirituali: la prima è la città natale di San Benedetto, fondatore dell’ordine dei benedettini, e a Siena è nato San Bernardo Tolomei, fondatore della congregazione benedettina di Santa Maria di Monte Oliveto. 
Entrambe, però, sono state colpite dal terremoto: a Siena è avvenuto tra il 1466 ed il 1467, a Norcia il 26 e 30 ottobre 2016 dopo la prima forte scossa che ha colpito il centro Italia il 24 agosto 2016.
L’Italia continua a tremare.
Il terremoto ha distrutto in questi giorni altre città e paesi del centro Italia, segnando l’anima dei suoi abitanti e ferendo le sue bellezze artistiche.
A Norcia la Basilica di San Benedetto, la Concattedrale di Santa Maria Argentea e tutte le chiese della città e dintorni sono distrutte.

In Siena an art exhibition to raise awareness of the “wound beauty” of Norcia and helping earthquake victims.
Norcia and Siena are two wonderful cities united by strong spiritual reasons: the first is the birthplace of St. Benedict, the founder of the Benedictine order, and, in Siena, was born San Bernardo Tolomei, founder of the Benedictine Congregation of Santa Maria di Monte Oliveto. Both cities, however, were affected by the earthquake: a Siena took place between 1466 and 1467, in Norcia on 26 and 30 October 2016 after the first strong quake that hit central Italy August 24, 2016.
Italy continued to tremble.
In these days the earthquake destroyed other cities and towns of central Italy, scoring the soul of its people and injuring its artistic beauty.
In Norcia, the Basilica of St. Benedict, the Cathedral of Santa Maria Argentea and All the Churches in the city and surroundings are destroyed.

Terremoto, Crollata la cattedrale di Norcia
Le macerie della cattedrale di Norcia

A seguito del sisma, la Protezione Civile, il Corpo Nazionale Vigili del Fuoco, il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria, insieme con l’Ufficio Beni Culturali dell’Archidiocesi di Spoleto-Norcia, hanno provveduto alla messa in sicurezza delle opere d’arte del territorio. Alcuni di questi capolavori sono stati nuovamente esposti al pubblico per raccontare la “ferita” subita dal patrimonio culturale della zona di Norcia.

Following the earthquake, the Civil Defense, the National Fire Brigade, the Carabinieri for the Protection of Cultural Heritage and the Superintendence Archaeology, Fine Arts and Landscape in Umbria, along with the Office of Cultural Heritage of the Archdiocese of Spoleto -Norcia, have taken steps to ensure the security of works of art. Some of these masterpieces were again exposed to the public to describe the “wound” inflicted by the cultural heritage of the area of Norcia.

norcia_duomo
Il Duomo di Norcia prima e dopo il terremoto. Foto tratta da internet

Le opere d’arte, infatti, sono ospitate a Siena ed esposte all’interno della “Cripta” sotto il Duomo e nel percorso di Santa Maria della Scala.
L’allestimento prevede un itinerario attraverso i capolavori prima custoditi nelle basiliche e santuari del territorio colpito dal sisma. Una serie di video, concessi dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, e materiali fotografici di fotoreporter locali permetteranno inoltre la visione delle fasi di recupero delle opere dopo il terremoto.

The works that show the many “wounds” caused by the recent earthquake, are hosted by the city of Siena and protected inside the “Crypt”, under the Cathedral, and in the path of the Santa Maria della Scala.
The exhibition provides an itinerary through the masterpieces preserved in churches and sanctuaries of the area hit by the earthquake. A series of videos, granted by the National Corps of Firemen, and photographic materials of local photographers will also allow the vision of the recovery stages of the works after the earthquake.

duomo_di_siena
Il duomo di Siena foto tratta da internet

L’esposizione, che si deve all’Arcivescovo di Spoleto-Norcia, S.E. Mons. Renato Boccardo, in collaborazione con la Soprintendenza dell’Umbria, diretta da Marica Mercalli, è promossa dall’Ufficio Beni Culturali dell’Arcidiocesi di Siena, diretto da Don Andrea Bechi, dal Rettore dell’Opera della Metropolitana di Siena, Gian Franco Indrizzi, e sostenuta dal Sindaco di Siena, Bruno Valentini, con l’organizzazione di Opera-Civita. L’iniziativa è seguita anche da Padre Abate Bernardo Gianni, Abbazia San Miniato al Monte.

The exhibition, which is to the impulse of the Archbishop of Spoleto-Norcia, S.E. Mons. Renato Boccardo, in collaboration with the Superintendence of Umbria, directed by Marica Mercalli, is promoted by the Cultural Heritage of the Archdiocese of Siena, directed by Don Andrea Bechi, the Rector of the Opera Metropolitana Siena, Gian Franco Indrizzi, and supported by the Mayor of Siena, Bruno Valentini, with the organization of work-Civita. The initiative is also followed by Father Abbot Bernardo Gianni, Abbazia San Miniato al Monte.

norcia_operearte
Il recupero delle opere d’arte. Foto tratta da internet

Il progetto non solo intende far conoscere le “ferite” che hanno colpito la popolazione umbra e il suo patrimonio culturale, ma anche sensibilizzare i turisti a donare contributi economici per il restauro delle opere d’arte e il sostegno delle persone colpite dal sisma. I promotori e gli organizzatori hanno destinato un contributo economico all’Archidiocesi di Spoleto-Norcia per le fasi di restauro e ricostruzione del duomo e delle altre chiese. 

The project not only aims to raise awareness of the “wounds” that hit the Umbrian population and its cultural heritage, but also sensitize tourists to donate financial contributions for the restoration of works of art and support of people affected by the earthquake. The promoters and organizers have designed a monetary contribution to the Archdiocese of Spoleto-Norcia for the stages of restoration and reconstruction of the cathedral and other churches.

CRIPTA
Aperta sino al 29/10/2017 Tutti i giorni
SANTA MARIA DELLA SCALA
dal 7/1/2017 al 31/01/2017 Tutti i giorni tranne il martedì
dal 1/02/2017 al 28/02/2017 Sabato e Domenica
dal 1/03/2017 al 14/03/2017 Tutti i giorni tranne il martedì
dal 15/03/2017 al 15/10/2017 Tutti i giorni
dal 16/10/2017 al 29/10/2017 Tutti i giorni tranne il martedì
Biglietti- Tickets
Santa Maria della Scala compresa Bellezza Ferita 9 €
Cripta compresa Bellezza Ferita 8 €
Biglietto cumulativo 18 €

Annunci

6 thoughts on “La bellezza ferita. Norcia, Earth, Heart Art, Quake

      1. Grazie Marco come ti dicevo hai ragione: il turismo deve essere Responsabile, aiutando la gente con iniziative concrete e non solo con belle foto…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.